[ Home | Liste | F.A.Q. | Risorse | Cerca... ]


[ Data: precedente | successivo | indice ] [ Argomento: precedente | successivo | indice ]


Archivio: Ottobre 2004 lex@sikurezza.org
Soggetto: Re: [lex] Attacco rilevato
Mittente: Synchopate
Data: Fri, 29 Oct 2004 00:21:07 +0200 (CEST)
Grazie Pierluigi ammetto di essere poco istruito in materia... (sono solo un
tecnico")
A grandi linee però di cosa parla questo  art?
Se l'attacco provenisse da un paese straniero?

Thanks
----- Original Message ----- 
From: "Pierluigi Perri" <perri@xxxxxxxxxxxxxxxx>
To: <lex@xxxxxxxxxxxxx>
Sent: Thursday, October 28, 2004 11:45 PM
Subject: Re: [lex] Attacco rilevato


Tutte le azioni comprese nell'art. 615-ter del codice penale (ovviamente se
il sistema era protetto da misure di sicurezza).

Ti consiglio di procedere ad un "congelamento" delle prove sulla base del
RFC 3227, e di notiziare con querela il fatto alle autorità competenti.

L'ipotesi del danno, qualora si fosse verificata, avrebbe integrato un'altra
fattispecie di reato ulteriore a quella dell'accesso abusivo.

Ciao,

Pierluigi



At 17.30 28/10/2004, you wrote:
>Nel caso in cui si rilevassero degli attacchi (documentati) da parte di un
>poco anonimo attaccante SENZA CHE QUESTI
>ABBIANO CAUSATO UN DANNO quali azioni legali si possono intraprendere?
>
>Paolo
>
>________________________________________________________
>http://www.sikurezza.org - Italian Security Mailing List

________________________________________________________
http://www.sikurezza.org - Italian Security Mailing List





[ Home | Liste | F.A.Q. | Risorse | Cerca... ]

www.sikurezza.org - Italian Security Mailing List
(c) 1999-2005